About Crownlan

 

 

La musica lava via dall’anima
la polvere della vita di ogni giorno.(Berthold Auerbach)

Crownlan | Nadia Corona e Filippo Da Lan

Crownlan nasce da un’idea di Nadia Corona e Filippo Da Lan, cantanti, musicisti, compositori e producers.

La musica che ha influenzato da sempre la nostra evoluzione è senza pregiudizi di stile. Musica vera con un sound fatto di contaminazioni e lontano da schemi predeterminati. Ci piace spaziare dal jazz, la nostra vera passione, con quegli standard d’altri tempi romantici e morbidi, al swing ritmato e deciso, senza dimenticare il pop, l’R&B, il soul e la musica elettronica. Il tutto incrociando stili musicali differenti, com’è tipico nel crossover.

Without music, life would be a mistake“. Certo, senza la musica la nostra esistenza sarebbe un errore. Ma la vita è un affare complicato e spesso chiede di fare qualcosa o di essere qualcuno. Qualche volta si deve decidere tra la musica e le tante priorità che si mettono davanti. Per noi è stato spesso così, ma non è possibile scegliere quando la musica ti rappresenta così tanto.
Da qui la decisione di fare il possibile per vivere una vita in cui le passioni e il lavoro siano interconnessi.

Crownlan quindi significa musica e voce, ma non solo.
Negli anni abbiamo collaborato come vocal coaches con cantanti e professionisti e abbiamo lavorato nell’ambito della formazione aziendale.
Oltre alla musica, oggi ci occupiamo a tempo pieno di marketing online e comunicazione, anche per musicisti e artisti.

Il viaggio è una componente importante della nostra vita. Nel 2009 ci siamo trasferiti in Irlanda, dove abbiamo avuto modo di esplorare nuove sonorità. Proprio a Dublino infatti è stato composto e registrato il singolo Under the Rain creato solamente dalle voci che diventano strumenti al servizio dell’immaginazione e della creatività. In definitiva una miscela di voci e colori che, come strumenti, reinterpretano il pop contemporaneo, arricchendolo di influenze R&B e beatbox, con sonorità underground irlandesi.

Dall’Irlanda ci siamo poi spostati in Canada a Montreal, dove la scena musicale, soprattutto per quanto riguarda il jazz, è molto interessante.
Oggi ci dividiamo fra l’Italia e l’Algarve in Portogallo, che abbiamo conosciuto quasi dieci anni fa’ quando abbiamo collaborato ad un progetto culturale organizzato da un’associazione del luogo per l’organizzazione di un Jazz Festival Internazionale.
In questa splendida regione, fra le altre cose, ci stiamo dedicando ad un progetto di musica meditativa e ispirazionale. Perché? La risposta è semplice. Fa bene all’anima di chi la ascolta e di chi la suona.